richiedi-informazioni
bottone-mail-list
ecogenera_Online_Shopping_Tips_yellow

Solar eclipse

cos’e’

Solar Eclipse è l’unico geniale sistema che ti permette di sfruttare tutta l’energia elettrica del tuo impianto fotovoltaico senza dover modificare l’impianto od acquistare un nuovo inverter.
Solar Eclipse è un sistema elettronico intelligente che accumula l’energia elettrica prodotta in eccesso dall’impianto fotovoltaico tradizionale caricando batterie comuni di qualsiasi tipo (piombo, gel ,litio, ecc) per poi riutilizzarla quando serve (di notte o nei momenti di scarso irraggiamento solare).
Solar Eclipse non necessità di alcuna modifica del tuo impianto esistente ma si collega semplicemente ai moduli fotovoltaici da un lato ed al tuo inverter “grid” dall’altro.
Infine vanno collegate quattro batterie comuni a 12 V con una capacità di almeno 100 Ah.
SCHEMA-ELETTRICO-SE
Ecco come funziona: quando la potenza dei moduli fotovoltaici è superiore alla potenza richiesta dalle utenze della casa, Solar Eclipse inizia ad immagazzinare energia nelle quattro batterie che altrimenti verrebbe ceduta alla rete elettrica Enel funzionando come un carica batterie in corrente continua.
Quando invece la potenza richiesta dalle utenze della casa è superiore a quella dei moduli fotovoltaici (per esempio se è nuvolo oppure nelle ore notturne), Solar Eclipse preleva l’energia accumulata nelle batterie e la fornisce al tuo inverter “grid” facendolo funzionare in modo che le utenze non debbano prelevare energia dalla rete Enel.
Solar Eclipse quindi funziona come se fosse un caricabatterie quando la potenza solare è in eccesso, e come se fosse una stringa di moduli fotovoltaici irraggiati dal sole quando la potenza solare non è sufficiente od è assente del tutto.
In questo modo l’inverter “grid” produce la potenza necessaria e sufficiente per le utenze domestiche, abbattendo le immissioni in rete durante il giorno e funzionando anche di notte.
Il Solar Eclipse quindi è un accumulatore intelligente di energia elettrica prodotta dal Sole che segue le seguenti regole logiche:

  • Non carica mai le batterie con energia della rete Enel
  • La prima energia disponibile dai moduli fotovoltaici viene utilizzata per alimentare le utenze
  • L’energia in eccesso viene utilizzata per caricare le batterie
  • L’energia ulteriormente prodotta dall’impianto viene ceduta alla rete Enel
  • Utilizza l’energia delle batterie quando il sole non è sufficiente per alimentare le utenze o quando è notte

 

come funziona

Per spiegare meglio come funziona vediamo i seguenti casi di un impianto residenziale da 3 kW:

1 - Giorno pieno

, la potenza dei moduli è superiore a quella richiesta dalle utenze:
Supponiamo per esempio che alle 10.00 del mattino il nostro impianto fotovoltaico domestico eroghi una potenza di 1,9 kW e le utenze della nostra abitazione assorbano una potenza di 0,4 kW.
Nel caso che il nostro impianto “grid” non sia dotato di Solar Eclipse si genera un eccesso di potenza pari a 1,9 – 0,4 = 1,5 kw che viene ceduto alla rete elettrica Enel.
Nel caso in cui invece il nostro impianto sia dotato di Solar Eclipse, la potenza in eccesso viene utilizzata da Solar Eclipse per caricare il pacco batterie e quindi l’energia in eccesso viene immagazzinata per poi poter essere riutilizzata quando sarà necessaria per alimentare le utenze. In questo momento quindi l’inverter grid viene privato della potenza superflua dei moduli fotovoltaici come se in pieno giorno mancasse la luce del sole, da cui deriva il nome “Solar Eclipse”.
Quando le batterie saranno cariche al 100% il nostro impianto fotovoltaico tornerà ad immettere l’energia elettrica in eccesso nella rete Enel comportandosi come un normale impianto “grid connected”.

2 - Giorno nuvoloso

, la potenza dei moduli non è sufficiente a soddisfare le utenzeSupponiamo che una giornata sia nuvolosa oppure un giorno in cui ad un certo momento la potenza richiesta dalla nostra abitazione sia superiore a quella fornita dal sole.
Nel caso che il nostro impianto “grid” non sia dotato di Solar Eclipse si genera un fabbisogno energetico che viene soddisfatto solo prelevando energia elettrica dalla rete Enel e quindi un aggravio di spese in bolletta.
Nel caso in cui invece il nostro impianto sia dotato di Solar Eclipse la differenza tra la potenza solare e quella richiesta dalla nostra abitazione viene fornita da Solar Eclipse che aiuta i moduli fotovoltaici a fornire potenza al tuo inverter “grid”. In questo modo l’inverter aumenterà la sua potenza fino al valore necessario per soddisfare la richiesta di energia della tua abitazione come se i moduli fotovoltaici fossero improvvisamente colpiti dal sole.

3 - Notte, non c’è potenza solare

Quando il sole tramonta, l’impianto fotovoltaico tradizionale cessa di funzionare, pertanto la potenza di cui hanno bisogno le nostre utenze viene prelevata dalla rete Enel con un aggravio di spese in bolletta.
Nel caso in cui invece il nostro impianto sia dotato di Solar Eclipse le nostre utenze vengono  alimentate dall’energia accumulata nelle batterie durante le ore diurne tramite Solar Eclipse e il nostro inverter “grid” che continuerà quindi a funzionare anche di notte !

case
info_come

Perchè acquistare Solar Eclipse

SENZA SOLAR ECLIPSEChiunque possieda un impianto fotovoltaico condivide l’idea che l’energia del sole si può trasformare in energia elettrica con estrema semplicità ed affidabilità nel tempo tramite i moduli fotovoltaici e l’inverter di rete.
Ogni utente produttore, nello stesso tempo, si è accorto che spesso l’impianto fotovoltaico fornisce una grande potenza quando meno ne abbiamo bisogno. Sovente nelle ore di punta il nostro fabbisogno energetico è basso e vorremmo avere quell’energia prodotta dall’impianto disponibile magari alla sera oppure di notte.
Una pubblicità di qualche tempo fa diceva “la potenza è nulla senza controllo”;  il caso degli impianti fotovoltaici connessi alla rete elettrica è analogo: la potenza a disposizione è molta e gratuita perché ci viene trasmessa dal sole, ma non abbiamo la possibilità di gestirla come vorremmo.
Infatti ogni inverter di rete è dotato di un circuito di ingresso chiamato “MPPT” che ricerca in ogni istante la massima potenza dell’impianto senza preoccuparsi di quanta potenza serve effettivamente alle utenze o senza avere la possibilità di accumulare energia per i momenti in cui realmente necessiti.
Tutta l’energia in eccesso viene quindi ceduta alla rete Enel con le gravose perdite di costi relativi ad accise, oneri di rete, spese relativi ai servizi di trasmissione, e quando viene riacquistata le condizioni economiche sono molto più elevate.

Solo Solar Eclipse puo’ unire la potenza del sole a quella delle batterie!

CON SOLAR ECLIPSEA differenza degli altri sistemi di accumulo Solar Eclipse, funzionando completamente in corrente continua, ed essendo collegato a monte dell’inverter Grid, può funzionare contemporaneamente ai moduli fotovoltaici sommando la potenza fornita dalle batterie a quella dei moduli fotovoltaici nel caso in cui quest’ultima non sia sufficiente ad alimentare la richiesta delle utenze.
Inoltre tutti i sistemi in commercio necessitano di uno swicth per selezionare la potenza dei moduli fotovoltaici oppure delle batterie.
Lo swicth in questione, oltre ad essere un elemento soggetto a scarsa affidabilità in quanto stressato dalle continue commutazioni, puo’ causare sbalzi di tensione.
Tutto questo non accade con Solar Eclipse in quanto l’inverter di rete rimane sempre acceso, anche di notte, garantendo un funzionamento fluido ed affidabile dell’impianto fotovoltaico.

Vantaggi e risparmio

Gli impianti fotovoltaici che sono stati installati fino ad oggi sono tutti caratterizzati dalla configurazione comune di immettere nella rete elettrica pubblica tutta l’energia prodotta, a meno di quella consumata istantaneamente, tale configurazione è nota come “impianto connesso a rete” o “Grid Connected”o ancora “impianto fotovoltaico On-Grid”.

Gli utilizzatori quindi usufruiscono solo in parte dell’energia prodotta dai moduli fotovoltaici mentre la quota restante viene immessa in rete e consumata dagli altri utenti.

Tale configurazione è stata accettata fino ad oggi poiché le produzioni delle fonti rinnovabili coprivano sono una piccola percentuale della produzione totale di energia che veniva erogata quasi per la completa totalità dalle fonti di produzione tradizionali centralizzate in pochi punti di produzione, e soprattutto perché il gestore di rete “Enel” garantiva un servizio di “scambio sul posto” efficiente.

Attualmente scambiare energia con la rete, significa “vendere” l’energia prodotta in eccesso durante il giorno ad un prezzo circa il 70% inferiore a quello a cui si è costretti ad riacquistarla durante la sera e la notte.

Ogni utente quindi deve cercare di massimizzare l’energia autoconsumata evitando i costi di trasporto e distribuzione propri della configurazione centralizzata e risparmiando quindi il costo dell’energia elettrica durante la notte e i periodi di scarso irraggiamento.

Negli impianti standard, con configurazione “On-Grid”, la quota di autoconsumo rappresenta il rapporto tra l’energia prodotta dai moduli fotovoltaici e l’energia direttamente consumata dagli utilizzatori e non prelevati dalla rete, tale quota di autoconsumo dipende dalle dimensioni dell’impianto fotovoltaico e dal profilo di carico dell utenza.

Tipicamente una famiglia di 4 persone con un impianto fotovoltaico da 3 kW raggiunge mediamente una quota di autoconsumo pari a solo circa il 25%.

Nel grafico sottostante è rappresentato l’andamento medio delle potenza richiesta da un’utenza domestica e della potenza prodotta da un impianto fotovoltaico Grid-Connected da 3kW in una giornata di sole.

 

scritta_senzasolar

imm_solar_no

scritta_solar

imm_solar_si

4 semplici mosse

Solar Eclipse, si installa molto semplicemente,  senza dover apportare modifiche al tuo impianto fotovoltaico!!!

Solar Eclipse si collega tra i moduli fotovoltaici e l’inverter di rete proprio come se fosse un modulo fotovoltaico aggiuntivo.

Solar Eclipse infatti è dotato di connettori Solari proprio come se fosse un modulo fotovoltaico!!!

E’ sufficiente quindi scollegare la stringa di moduli fotovoltaici dal tuo inverter di rete e collegarla al Solar Eclipse inserendo poi i connettori fotovoltaici di Solar Eclipe al posto della stringa di moduli.

Inoltre andranno collegate le batterie e un sensore di potenza che andrà inserito nel vostro quadro di casa.

Solar Eclipse, dopo solo 4 mosse è quindi pronto per recuperare tutta l’energia elettrica prodotta in eccesso dal tuo impianto fotovoltaico in maniera intelligente senza bisogno di altri cavi o sistemi di comunicazione con l’inverter o la casa.

schema

Configura il tuo pacco batterie

Solar Eclipse funziona con un pacco batterie con tensione nominale 48 V circa.
Le batterie in commercio utilizzabili possono essere sia di tipo integrato con tensione di uscita 48 V, sia batterie con tensione minore (per esempio 24 V, 12 V, 2 V, etc) che collegate opportunamente in serie forniscano una tensione nominale di 48 V.

schema_batt_zero

La capacità consigliata delle batterie può variare a seconda della potenza dell’impianto e a seconda dei consumi dell’utenza da 100 Ah a 300 Ah.
La tipologia delle batterie può essere di tipo qualsiasi (piombo, gel, AGM, etc) in quanto il ciclo di carica è programmabile in fase di configurazione tramite il software in dotazione.
La percentuale di scarica delle batterie viene impostata automaticamente dalla logica di Solar Eclipse a seconda del tipo di batterie utilizzate ma può essere variata a seconda delle necessità dei consumi dell’utenza.
Le batterie auto per esempio non sono di grande qualità e la percentuale di scarica impostata di default da Solar Eclipse è del 40%, mentre le batterie a gel, AGM o stazionarie sono impostate al 50% di scarica.
Se la tua abitazione non ha particolari carichi durante la notte oltre ad un frigorifero, le luci per l’illuminazione e le normali utenze come la televisione, e utilizzi gli elettrodomestici durante le ore del giorno puoi limitare i tuoi consumi notturni a circa 2 ~2,5 kWh.
In questo caso quindi, per esempio, puoi utilizzare 4 batterie auto 12 V e 120 Ah collegate in serie per avere che di garantiranno l’autosufficienza durante tutta la notte in quanto:

Energia disponibile nelle batterie in Wh = tensione × capacità in Ah × percentuale di scarica

Energia disponibile nelle batterie in Wh = 48 × 120 Ah × 40 % = 2304 Wh = 2,304 kWh

Infine ricorda che se possiedi un impianto fotovoltaico con potenza maggiore di 3 kW potrai collegare batterie con capacità anche fino a 300 Ah.
Per aiutarti a scegliere la capacità e la tipologia di batterie da utilizzare segui le indicazioni delle tabelle seguenti.

CONF. PACC BATT.

CLICCA QUI PER VEDERE I PREZZI DELLE BATTERIE

CLICCA QUI PER VEDERE IL PREZZO DI SOLARECLIPSE

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::
Per ulteriori informazioni puoi contattarci compilando l’apposito modulo di contatto
::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

 

Banner_e-commerce_ecogenera_eu